Città definita 'la ringhiera dell'Umbria' per la sua posizione che domina le valli del Topino, del Clitunno e del Tevere.
Si trova a 473 mt. sul livello del mare al vertice di un ameno colle dal quale si possono scorgere le città di Perugia, Assisi, Foligno, Trevi, Spoleto e Spello.
La struttura trecentesca della città è concepita in modo tale che tutte le vie convergano in un unico punto: la bellissima Piazza del Comune.
Si possono scorgere numerose torri e campanili che testimoniano come la cultura religiosa si sia integrata con la vita civile.
Non secondaria è la tradizione agraria di questo borgo medievale che fu sapientemente ritratta dal pittore Benozzo Gozzoli il quale affrescò il Convento di San Fortunato e l'ex Chiesa di San Francesco, oggi Museo Civico di Montefalco, i cui affreschi quattrocenteschi del Gozzoli, recentemente restaurati, è possibile incontrare, in alcuni particolari nel nostro sito.
Percorrere le stradine di Montefalco equivale a fare un tuffo nel passato, quando la vita era ancora regolata dalle stagioni e dal sorgere e dal calare del sole.